line_gbg70.gif (2214 bytes)

News Media
line_gbg70.gif (2214 bytes)

L'altipiano dei Cici in un volume del Circolo Istria

È stato recentemente presentato presso la Libreria Minerva di Trieste, il libro intitolato e dedicato a L'altopiano dei Cici stampato a cura del Circolo di Cultura istro-veneta Istria.

"Nessuno può dire di conoscere veramente l'Istria se non conosce anche la storia di questo altipiano e del suo popolo. Spesso l'Istria viene identificata con le sue coste, certo il mare ha avuto ed ha il ruolo fondamentale di legare culture e popoli diversi, ma per cogliere tutta la vitalità del suo cuore pulsante, non si può tralasciare il suo interno, un vasto territorio che a prima vista può sembrare duro e tagliente come le raffiche di bora che lo sferzano in inverno, ma che ha avuto nel corso dei secoli un ruolo centrale nei rapporti con Trieste e con l'Impero".

Ha esordito così, Gaetano Benčić, uno degli autori del volume che ha, tra i molti, il merito di aver portato o riportato alla luce un territorio dimenticato e ormai in declino ma dalle notevoli potenzialità di 'rinascita' come spiega Livio Dorigo. "Questi territori che in alcuni scorci possono perfino sembrare i verdi prati dell'Argentina per quanto sono vasti, sono importantissimi per la biodiversità che ospitano e potrebbero davvero rappresentare una risorsa per molti giovani intenzionati a far rivivere le tradizioni ed i mestieri dei nonni, come la pastorizia".

In un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando, infatti, non andrebbero trascurate le possibilità che ci vengono offerte dalla natura stessa. I vecchi mestieri oggi vanno reinterpretati e con l'aiuto delle macchine ed un  pizzico di fantasia e buona volontà "non servirebbe andare a comprare gli agnellini pasquali in Nuova Zelanda, evitando così anche i costi economici ed ecologici del trasporto".

Il volume quindi, oltre ad offrire una pregevole descrizione della storia di un popolo oramai disgregato - il nucleo di Cici più cospicuo che usa ancora come lingua l'istro-romeno è quello presente a New York - propone una valorizzazione ed una riscoperta di questi territori con una sensibilità ecologica che vuol'essere lungimirante, pur guardando al passato con il massimo rispetto per i lavori poveri, com'era quello dei pastori, capaci di adeguarsi con armonia ai ritmi della natura.

Andare avanti facendo un passo indietro quindi, rallentare i ritmi di una società frenetica "in cui i media esibiscono continuamente immagini sterili, per tornate alla capacità di osservare". "Con questo preciso obiettivo", spiega Walter Macovac autore delle foto "abbiamo fotografato nell'arco di un anno non i paesaggi 'da cartolina' ma quegli aspetti e quei particolari capaci di far percepire la trasparenza dell'aria di quei luoghi, i profumi, la tranquillità ed allo stesso tempo la durezza del freddo. Le didascalie, per chi non sa osservare, sono in fondo al volume".

Tamara Gentile

Source:

  • © CDM, 5 October 2009 - http://www.arcipelagoadriatico.it/sommario.php?id=03007&sel=NOTIZIE, courtesy of Fulvio Percovich


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Saturday, July 10, 2010, Last Update: Thursday, December 01, 2011
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA