Poetry
Literature

 

Gabriela è nascuta în anu 1982 la Noselo e Gabriel, fratele lìei ãi nascut în anu 1985 toturo la Noselo. (They are distant maternal cousins of Marisa Ciceran.)

Poesie di Gabriela e Gabriel Vretenar

Poesie in istrorumeno con traduzione in italiano. Fratello e sorella, i poeti sono nipoti di Marina (nata Stroligo) e Fulvio Di Gregorio. Le poesie sono tratte da Scrisore cãtre fraţ Rumer, Asociaţia Culturale lu Istro-Rumeni "Andrei Glavina". 1997 con la traduzione di Fulvio Di Gregorio.

Gabriela Vretenar

Me asir

Vut-an asiru
Moro s'a clìemat
Saca zi opodne
Na zetulit.

Asiru an vut
Potribveit-l-an toţ,
N'a fost chiaro mare
Toturo brentele purtat-a.

Leamnele, brentele şi bãrsele
Tot pre se hãrbãt,
Nicad n 'a vut srice
Şi niciur nu lì-a platit.

Şi alìţ asir
Bãrsele purtat-a,
Scupa po trei patru
Grãvu în mora purtat-a.

Noi an inca şi iezdit
Cu bãtu, hiìa heri şta,
Moro nu zemeri
Se nu ti se piiaja.

Tot a muncat di la crai
Jabliac, slama şi cărsinu,
Vut-a petid şi curai,
Gras a fost ca şi cuşinu.

Tãrgoveţu verit-a
Moro nu-i ato ãn ştala,
Ãn locu lui
Freza an procureit.

Dosta ani a trecut
Moro-i vechì betãr,
Niş nu s-a gambieit
Samo traje at voz.

De lui ramas-a
Rucile, başta şi voziţu
Sponele de ledonie
Şi obãrstit gãrmici.

Il mio asino

Avevo un asino
Moro si chiamava
Ogni giorno a mezzodì
A noi ragliava.

Avevamo un asino
Lo adoperavano tutti
Non era tanto grande
Lo stesso portava le bigonce.

Legna, bigonce e sacchi
Tutto sulla sua schiena
Mai ha avuto fortuna
E nessuno lo ha pagato.

Anche altri asini
I sacchi portavano,
Insieme tre quattro
II grano al mulino portavano.

Lo abbiamo ancora cavalcato
Col bastone, hia erri sta,
Moro non avertene a male
Se non ti piace.

Tutto mangiava dall'inizio,
Erba, paglia e fieno,
Aveva appetito e coraggio
Grosso era come il cuscino.

Il commerciante è venuto
Moro non è più in stalla,
Al posto suo
La motozappa abbiamo procurato.

Parecchi anni sono passati
Moro è già vecchio,
In nulla è cambiato
Solo un altro carro porta.

Di lui sono rimasti
Il giogo, il basto ed il carretto,
Pastoie di bagolaro
E la quercia scorticata.

Pulìi

Toţ noştri pulì
Muşat cãntu
Mai muţat nego narodu
Ãntru sire şcherţescu.

Toţ pulìi aru
Mai muşalìţ per
An Africa mergu
Zalica ãn feriie.

Ãn pozimec mergu
Cu proliţu se tornivescu,
Zlata valìescu
Cãnd zecã
ntescu.

Toţ ciia nu mergu
Noşcari şi case ramaru,
Feriie coristescu
Ãn domaţi crai.

Uccelli

Tutti i nostri uccelli
Hanno un bel canto
Più hello della gente
Tra di loro scherzano.

Tutti gli uccelli hanno
Più belle piume
In Africa vanno
Un poco in ferie.

In migrazione vanno
In primavera torneranno,
Oro valgono
Quando iniziano il canto.

Tutti colà non vanno
Qualcuno anche a casa resta,
Le ferie le fanno
Nel luogo domestico.

Viro ocea Frane

Viro ocea Frane
Pre ur jmulì
Ãmna ãn casa cumpare
Ciuşna te dupa scand.

Se ver mai volì ăn conoba
Che provein
bicivile tote
Viro miìe ăn saca
doba
Cas resclìisa
vaica ãi ţie.

Vir ran netoci
Şi p
ãşut ran nereji.
Munca ran şi ba
Şi na craiu zec
ã
ntei.

Nostra vrame trecut-a
De lucru to
ţ fugu
Zalic tejac a r
a
mas
Cum an fost noi.

Vieni qua Frane

Vieni qua Frane
Su, un bicchiere
Va' in casa compare
Siediti alla tavola.

Se preferisci in cantina
Che proviamo le botti tutte
Vienimi in ogni momento
La casa ti è sempre aperta.

Il vino noi verseremo
Il prosciutto taglieremo,
Mangeremo e berremo
E alla fine canteremo.

Il nostro tempo è passato
Dal lavoro tutti fuggono
Pochi operai
son rimasti
Come eravamo noi.

Gabriel Vretenar
Me Istra

Tornaves me ãn Istra
Lu pemintu nascut
Lu braidile şi nìivele
Lu bosche zelene.

Hmo ãn Istra
Io me tornaves
Domata besada
Şi cãnãtu che avdu.

Tornaves me ãn Istra
An mai musat crai
Iuva potocu suma
Şi pulìi cântu.

Ăn irima ai fost
Vaica lìubita,
Nicad utata
Muşoia Istra ma.

Mia Istria

Sto tornando in Istria
Alla terra nativa
Alle campagne e ai campi
Ai verdi boschi.

Adesso in Istria
Sto tornando
La parola domestica
Un canto che sento.

Sto tornando in Istria
Al posto più bello
Dove il ruscello gorgheggia
E gli uccellini cantano.

Nel cuore sei stata
Sempre amata
Mai scordata
Bella Istria mia.


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran and Fulvio Di Gregorio

Created: Monday, August 02, 2010; Last updated: Thursday, September 02, 2010
Copyright © 1998 IstriaNet.org and istro-romanian.com, USA